Verbale di CDA n. 6 del 01/08/2012

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDF | Stampa | E-mail

L’anno duemiladodici, il giorno 1 del mese di agosto, alle ore 17,30 presso la sede sociale in Sessa Aurunca, su convocazione diramata a mezzo e-mail dal dott. Remo Pallisco disposta dal Presidente del Cda, si è riunito il Cda per discutere e deliberare in merito ai seguenti argomenti:
1. Integrazione proposta progettuale alla Regione Campania;
2. Eventuali e varie.

 

Sono presenti:
- Il C.d.A. nelle persone di: Prof. Elio Meschinelli, Presidente
Dott. Adriano De Monaco, vice-presidente
Rag. Marcellino Iannotta, consigliere
- I Sindaci nelle persone di: Rag. Salvatore Fattore, Presidente
Dott.ssa Maria Antonietta Maciariello, Sindaco effettivo.
Dott. Giuseppe Lonardo, Sindaco effettivo
- E’ Presente l’arch. Mariano Nuzzo nella sua qualità di Direttore Tecnico.
Partecipano alla seduta il Dr. Remo Pallisco per obbligo contrattuale .
Il Presidente, constatata la presenza come innanzi rilevata, dichiara valida la seduta ed apre i lavori.

1° punto all’ordine del giorno
Integrazione proposta progettuale alla Regione Campania

Vista la deliberazione di Cda n. 17/2012 approvata nella precedente seduta del 19/06/12 con la quale venne approvato il Budget ed il Programma progettuale per la realizzazione del progetto di promozione e valorizzazione di “Studi e ricerche sui beni culturali e paesistici per lo sviluppo turistico delle aree territoriali della Regione Campania” con riferimento anche al piano economico finanziario.

Vista la nota prot. n. 522224 del 6 luglio 2012 con la quale la Regione Campania ha chiesto integrazioni oltre al crono programma e una nota descrittiva relativa ai criteri di stima delle voci di costo dell’intero progetto.

Visto le integrazioni predisposte dall’arch. Mariano Nuzzo i cui 3 elaborati si riportano qui di seguito:

1) Nota descrittiva di stima delle voci di costo del progetto
La presente nota descrittiva riassume i criteri secondo cui sono state stimate le voci di costo dell’intero progetto. I riferimenti generali sono stati: le analisi dei prezzi correnti e la definizione del prezzo di mercato più conveniente; i regolamenti, bandi pubblici e decreti ministeriali per il settore della ricerca scientifica; le norme dello Stato che fissano i prezzi e definizioni delle le voci di costo .
In particolare l’intera strutturazione del budget e le singole voci di costo sono state quantificate tenendo presente i più recenti bandi emanati dal Ministero per l’Istruzione, l’Università e la Ricerca (MIUR), nel settore delle ricerca scientifica e tecnologica e tenendo presente quanto prescritto in materia dal Manuale di attuazione del POR Campania 2007-2013.
Nello specifico, sia per le modalità di calcolo della spesa che per l’ammissibilità della stessa, oltre alle normative comunitarie e nazionali, si è fatto esplicito riferimento a quanto stabilito dal citato Manuale di attuazione del POR Campania 2007-2013.
In merito alle voci di costo relative al piano finanziario del progetto “Studi e ricerche sui beni culturali e paesaggistici per lo sviluppo turistico delle aree territoriali della Regione Campania” si precisa che si è fatto riferimento per il Budget 1 al Manuale di attuazione del POR Campania 2007-2013, capitolo 2 – spese ammissibili, ai prezzi correnti di mercato ed alle tariffe professionali, secondo quanto previsto dalle vigenti normative per il periodo di riferimento.
Per quanto riguarda le voci del Budget 2 e 3 si precisa che:
- per la voce A “Borse di studio” si fa riferimento per analogia ai valori, espressi in euro a lordo, indicati dal Ministero per l’Istruzione, Università e Ricerca scientifica con D.M. 18 giugno 2008 e al Manuale di attuazione del POR Campania 2007-2013, capitolo 2 – spese ammissibili.
- per la voce B “Spese per l’acquisto di attrezzature per la ricerca” si è eseguita una specifica ricerca di mercato, valutando per ogni voce i prezzi indicati al pubblico di 10 aziende leader produttrici delle attrezzature occorrenti e definendo il prezzo di mercato di ognuna come prezzo medio ricorrente. Si è inoltre tenuto conto del Manuale di attuazione del POR Campania 2007-2013, capitolo 2 – spese ammissibili, PUNTO H;
- per la voce C “Spese per l’acquisizione di prodotti software” si è eseguita una specifica ricerca di mercato tra diversi fornitori di prodotti software indicati nella tabella per definire i prezzo corrente di mercato più conveniente. Si è inoltre tenuto conto del Manuale di attuazione del POR Campania 2007-2013, capitolo 2 – spese ammissibili, PUNTO H;
- per la voce D “Spese per servizi specialistici” si è fatto riferimento al valore minimo delle prestazioni professionali specialistiche nel settore di riferimento (architettura, ingegneria, scienze ambientali, geologia, archeologia, storia dell’arte) ed ai prezzi correnti di mercato nel rispetto delle norme vigenti in materia di lavoro. si è inoltre tenuto conto del Manuale di attuazione del POR Campania 2007-2013, capitolo 2 – spese ammissibili, PUNTO A e PUNTO E;
- per la voce E “Spese per stages e missioni di tutors, docenti e ricercatori coinvolti nel progetto” si è fatto riferimento alle voci di costo ammissibili per l’ultimo bando nazionale Futuro in Ricerca FIRB 2012 del Miniestero per l’Istruzione, l’Università e la Ricerca Scientifica. Si è inoltre tenuto conto del Manuale di attuazione del POR Campania 2007-2013, capitolo 2 – spese ammissibili, PUNTO A e B;
- per la voce F “Informazione, pubblicità e diffusione dei risultati” si è valutato l’1% del contributo concesso dalla Regione Campania per le attività di Valorizzazione e fruizione dei centri storici e lo 0,5% per le Attività di promozione del sistema turistico locale del’alto casertano. Si è considerata, pertanto, una maggiore attività informativa in fase iniziale per la strutturazione del progetto di ricerca relativo ai centri storici e l’abbattimento dei costi per la seconda fase, in quanto molti di essi già pagati dalla prima. Il valore necessario considerato è stato desunto una puntuale ricerca di mercato, che per l’attività richiesta consente di contenere i costi nei limiti del 1,5% del’intero importo concesso. Si è inoltre tenuto conto del Manuale di attuazione del POR Campania 2007-2013, capitolo 2 – spese ammissibili, PUNTO C;
- per la voce G “Spese generali imputabili all’attività dei progetti” si è valutato il 3% per le attività di Valorizzazione e fruizione dei centri storici e il 2,5% per le Attività di promozione del sistema turistico locale del’alto casertano. Tali percentuali si sono valutate tenendo conto della necessità di cofinanziamento minimo utile per la gestione societaria del progetto e dell'incidenza dello stesso sulla struttura organizzativa; della partecipazione alle spese per il controllo, per la qualità e la sicurezza; della partecipazione alle spese per le attività di progettazione dell'intervento; delle indagini preliminari di mercato; delle analisi dei fabbisogni; dell’elaborazione materiale per attivazione intervento; delle selezione dei partecipanti; delle spese per l'utilizzo di altre sedi ed degli eventuali canoni; della partecipazione alle altre varie ed eventuali spese imputabili come spese generali. Si è inoltre tenuto conto del Manuale di attuazione del POR Campania 2007-2013, capitolo 2 – spese ammissibili, PUNTO I;
- Per la voce H “Coordinamento del progetto” si è fatto riferimento al Decreto Direttoriale 12 gennaio 2012 n. 3/ric del M.I.U.R. per la retribuzione minima dei coordinatori dei progetti di ricerca , ridotta del 40%. Si è inoltre tenuto conto del Manuale di attuazione del POR Campania 2007-2013, capitolo 2 – spese ammissibili, PUNTO A;
- Per la voce I “Altri costi di esercizio direttamente imputabili all’attività progettuale” si è valutata la percentuale dell’1% del contributo concesso dalla Regione Campania per le attività di Valorizzazione e fruizione dei centri storici e dello 0,5% per le Attività di promozione del sistema turistico locale del’alto casertano. Si è considerata, pertanto, la necessità di maggiore disponibilità economica in fase iniziale in relazione al maggiore importo richiesto rispetto alla seconda linea di intervento che, oltretutto, dovrebbe consentire la riduzione degli imprevisti. Il valore necessario considerato è stato desunto una puntuale ricerca di mercato, che per l’attività richiesta consente di contenere i costi nei limiti del 1,5% del’intero importo concesso. Si è inoltre tenuto conto del Manuale di attuazione del POR Campania 2007-2013, capitolo 2 – spese ammissibili, PUNTO M;

CASERTA, 27 LUGLIO 2012
F.TO phd. arch. Mariano Nuzzo

2) Descrizione delle azioni e delle attività progettate declinata
secondo l’articolazione del piano finanziario

Il progetto si compone di una parte generale di presentazione della ricerca, di una parte progettuale particolareggiata, del piano finanziario dettagliato, della descrizione delle azioni e delle attività progettate, del cronoprogramma degli interventi.
Il piano finanziario elaborato è composto da tre sezioni: la prima relativa ai costi di costituzione e funzionamento della società, che riporta all’interno del progetto tutte le attività propedeutiche alla fase di sviluppo e realizzazione dello stesso. Tali spese ammontano ad un totale di 382.691,00 euro ed a queste la Regione Campania potrà contribuire per un importo di 129.431,00 euro, ovvero a tutte quelle spese ritenute utili e necessarie alla realizzazione del progetto in questione.
Le voci da cofinanziare per il Budget 1, nello specifico sono: A. Costituzione e funzionamento; B. Spese imputabili all’attività societaria; C. Spese per la gestione e la revisione contabile; D. Spese per cancelleria stampati e piccoli hardware; E. Spese per missioni e viaggio direttamente imputabili all’attività societaria; F. Spese per le pubblicazioni su G.U., per la convocazione delle assemblee ed avvisi vari; G. Spese per la gestione del fondo economato;
Sono da finanziare con altri fondi le spese relative all’attività di promozione pubblicitaria della società e le spese per il CDA.
Il progetto di ricerca nello specifico si sviluppa intorno a due assi principali: uno relativo alla Valorizzazione e fruizione dei centri storici (Budget 2); l’altro relativo alla Promozione del sistema turistico locale dell’alto casertano (Budget 3).
Il primo asse Valorizzazione e fruizione dei centri storici intende destinare 22 borsisti all’attività di ricerca dedicata alla progettazione di nuove metodologie di recupero ed alla valorizzazione dei centri storici. Le professionalità coinvolte sono diverse e comprendono principalmente il settore del restauro architettonico, ma anche della progettazione architettonica, della tecnologia e della chimica dei materiali, dell’ingegneria sismica, della storia dell’arte, dell’archeologia, dell’economia dei beni culturali. Tali professionalità saranno individuate mediante la pubblicazione di bandi ovvero concorsi pubblici banditi dalla società.
I borsisti saranno organizzati in gruppi tematici, seguiti da tutors, ovvero docenti universitari a cui la società farà riferimento per garantire la presenza qualificata delle diverse professionalità necessarie ad affrontare un progetto di restauro architettonico, coordinati dal responsabile della ricerca della società. I gruppi opereranno all’interno di un laboratorio dotato delle necessarie attrezzature per la ricerca. Il laboratorio che dovrà essere messo a disposizione da uno dei Comuni soci, adibito a tale scopo, disporrà di personal computers ovvero di notebooks, di scanner, di macchina digitale, di stampanti e plotter. Ogni borsista avrà la possibilità di utilizzare le attrezzature necessarie, indirizzando al Coordinatore scientifico, che gestirà le attrezzature tecnologiche necessarie, una richiesta in carta libera asseverata dal tutor di riferimento. Ogni PC/notebook sarà dotato dei seguenti software licenziati: Microsoft Office student, Autodeks Autocad LT, Adobe Photoshop, Archis 2D. Il progetto prevede l’intervento di prestazioni e servizi specialistici indirizzati al rilievo architettonico di ampi contesti urbani e apparati decorativi con scanner tridimensionali, l’intervento di prestazioni specialistiche nel settore dell’analisi dinamica complessa di ampi ambiti edificati, prestazioni specialistiche per la parametrazione e la definizione economica rapportata a condizioni complesse di edilizia di notevole pregio storico, la gestione di programmi comunitari complessi per la realizzazione dei progetti. I borsisti avranno la possibilità di essere affiancati da 4 diversi tutor, docenti universitari esperti nei diversi settori a cui farà riferimento il bando per l’assegnazione delle borse, per avere pareri in merito all’attività svolta ed approfondire i diversi casi a cui si sottoporranno. I titolari delle borse di studio sono tenuti a seguire le indicazioni del Coordinatore della ricerca, dei Tutors scientifici di riferimento e presentare una relazione scritta sulle attività svolte, secondo un cronogramma di lavoro, quando richiesta dal Coordinatore della ricerca. Ogni borsista dovrà concorrere all’attività indicata in fase di assegnazione della borsa, nel rispetto del programma progettuale di Valorizzazione e fruizione dei centri storici dell’alto casertano producendo elaborati grafici, compendi descrittivi, modellazioni tridimensionali e fotomosaicatura delle immagini necessarie a definire una concreta proposta progettuale di rivalutazione dei contesti storici. Ogni evento descrittivo dell’attività progettuale richiesta sarà reso pubblico mediante un sito web dedicato e mostre a tema da allestire presso le sedi dei Comuni coinvolti. A conclusione del progetto tutti i dati e gli elaborati prodotti verranno inseriti nel parco progetti societario e pubblicati in un volume appositamente edito e presentato in un convegno conclusivo, a cui verrà data adeguata pubblicità a scala regionale. Il progetto sarà Coordinato dal Direttore tecnico della società, nella veste di Coordinatore scientifico, e da un Coordinatore amministrativo che sarà responsabile delle procedure amministrative legate al progetto.
Il secondo asse Promozione del sistema turistico locale dell’alto casertano intende destinare 15 borsisti all’attività di studio dedicata alla programmazione di nuovi sistemi turistici per la promozione dei centri storici dell’alto casertano. Le professionalità coinvolte sono diverse e comprendono principalmente il settore dell’architettura, ma anche dei beni culturali, dell’ingegneria informatica, della tecnologia dell’informazione, della storia dell’arte, dell’archeologia, dell’economia dei beni culturali. Tali professionalità saranno individuate mediante la pubblicazione di bandi ovvero concorsi pubblici banditi dalla società.
Tale asse sarà propedeutico al primo ed i borsisti avranno la possibilità di utilizzare tutti i dati raccolti e le attrezzature disponibili dell’Asse 1. I borsisti saranno organizzati in gruppi tematici, seguiti da 8 tutors, ovvero docenti universitari a cui la società Progetto Laocoonte farà riferimento per garantire la presenza qualificata delle diverse professionalità necessarie per affrontare una programmazione del sistema turistico locale ed una fase progettuale mirata alla promozione turistica dei centri storici, tutti comunque coordinati dal responsabile della ricerca della società. I gruppi opereranno all’interno dello stesso laboratorio dell’Asse 1, dotato di tutte le necessarie attrezzature per la ricerca. Il laboratorio disporrà di personal computer ovvero di notebook, di scanner, di macchina digitale, di stampanti e plotter. Ogni borsista, come per l’Asse 1, avrà la possibilità di utilizzare le attrezzature necessarie, indirizzando al Coordinatore scientifico, che gestirà le attrezzature necessarie, una richiesta in carta libera asseverata dal tutor di riferimento. I personal computers ovvero i notebooks utilizzati dall’Asse 1 verranno reimpiegati per l’Asse 2. Sarà concesso l’uso di attrezzature proprie, a sussidio, se disponibili e di apparati tecnologici messi a disposizione dai Comuni soci. Ogni Comune potrà partecipare direttamente mettendo a disposizione della Società sale multimediali attrezzate per la videoproiezione e tutto il materiale tecnico necessario per lo sviluppo del progetto.
Il piano di lavoro prevede l’intervento di prestazioni e servizi specialistici indirizzati alle analisi dei flussi turistici di ampi contesti urbani, alla messa a punto di protocolli di intesa e schemi di contratto con imprese del turismo nazionale e internazionale, l’intervento di prestazioni specialistiche nel settore alberghiero e dei trasporti, prestazioni specialistiche per la diffusione dei risultati in diverse lingue Russo, Cinese, Inglese, Tedesco, Spagnolo, Francese. I borsisti avranno la possibilità di essere affiancati da diversi tutor, docenti universitari esperti nei diversi settori a cui farà riferimento il bando per l’assegnazione delle borse, per avere pareri in merito all’attività svolta ed approfondire i diversi casi che si riterranno di sottoporre. I titolari delle borse di studio sono tenuti a seguire le indicazioni del Coordinatore della ricerca e dei tutors scientifici di riferimento e presentare una relazione scritta sulle attività svolte, secondo un cronogramma di lavoro, quando richiesta dal coordinatore della ricerca. Ogni borsista dovrà concorrere all’attività indicata in fase di assegnazione della borsa, nel rispetto del programma progettuale di Promozione del sistema turistico locale dell’alto casertano producendo elaborati cartografici, descrizioni e grafici necessari a definire una concreta proposta progettuale di promozione turistica, capace di coinvolgere tutti i possibili stakeholders.
Ogni evento descrittivo dell’attività progettuale richiesta sarà reso pubblico mediante un sito web dedicato e mostre a tema da allestire presso i poli d’ambito intercomunale individuati (Sessa Aurunca, Teano, Piedimonte Matese). A conclusione del progetto tutti i dati e gli elaborati prodotti verranno diffusi, mediante una pubblicazione a tema da presentarsi alla fiera del Turismo regionale ed alla BIT di Milano, a cui verrà data adeguata pubblicità. Il progetto sarà coordinato dal Direttore tecnico della società (redattore del progetto), nella veste di Coordinatore scientifico, e da un responsabile amministrativo che sarà garante delle procedure amministrative legate al progetto.

3) CRONOPROGRAMMA

Vedasi prospetto riportato in allegato A) che si allega quale parte integrante e sostanziale del presente atto.

Il Cda
- vista la deliberazione n. 17/2012 di cui al verbale di Cda n. 5 del 19/06/2012;
- visti gli elaborati riportati testualmente nei precedenti punti 1) e 2);
- Visto l’allegato prospetto di cui al precedente punto 3);

DELIBERA
(n. 20/2012)
- di approvare, come in effetti approva, le integrazioni riportate in premessa e che qui si intendono integralmente trascritte ivi compreso il prospetto riportato in allegato A) che forma parte integrante e sostanziale del presente atto;
- di incaricare l’arch. Mariano Nuzzo di riportare in un testo unico coordinato il progetto di “Studi e Ricerche sui Beni Culturali e Paesaggistici per lo Sviluppo Turistico delle Aree Territoriali della Regione Campania” il testo della deliberazione n. 17 di cui al verbale n. 5 del 19/06/2012 così come rettificato ed integrato con il presente atto deliberativo.
- Di demandare allo stesso arch. Nuzzo gli adempimenti necessari per la trasmissione degli atti agli uffici competenti della Regione Campania.

Si passa al secondo punto all’o.d.g
“Eventuali e varie”
Il Presidente, al fine di abbreviare i tempi operativi, propone al Cda di valutare l’opportunità di esaminare e discutere la bozza del bando relativo alle borse di studio da pubblicarsi ad approvazione dell’erogazione del Contributo regionale di cui all’art. 1 c 48 L.R. 2/2010.
Il Presidente, quindi, dà lettura della proposta di bozza del predetto Bando.
Dopo ampia discussione il Cda addiviene alla definizione del testo del bando che viene riportato in allegato n. 1 quale parte integrante e sostanziale del presente atto.
Il Cda
Con voti unanimi dei presenti palesemente espressi
DELIBERA
(n. 21/2012)
di approvare, come in effetti approva, il bando relativo alle Borse di Studio nel testo di cui all’allegato n. 1 indicato in premessa e che qui si intende integralmente trascritto in ogni sua parte.
Non avendo altri argomenti da discutere quali Eventuali e varie,utere, la seduta è sciolta alle ore 19,30 dopo aver redatto, letto, approvato e sottoscritto il presente verbale che si compone di n. 4 fogli in 7 pagine scritte
Il Segretario Verbalizzante Dr Remo Pallisco ..........................................

Il Consiglio di Amministrazione
Il Presidente. Prof. Elio Meschinelli .................................................
Il Vice Presidente Dott. Adriano De Monaco ..................................
Il Consigliere Rag. Marcellino Iannotta ...........................................
Il Collegio Sindacale
Il Presidente del Dott. FATTORE Salvatore ................................
Il Sindaco Eff. Dott.ssa MACIARIELLO M.A. ...........................
Il Sindaco Eff. LEONARDO Giuseppe ..........................................

                   IL SEGRETARIO Verbalizzante                          IL PRESIDENTE Del C.d.a.
                            Dott. Remo Pallisco                                         Prof. Elio Meschinelli